Pantelleria: Un'Isola meravigliosa da scoprire giorno dopo giorno

Pantelleria

Pantelleria

Pantelleria

Mille volti una sola isola.

L'isola di Pantelleria è situata a 70 Km dalla costa africana e ad 85 Km dalla Sicilia. La sua superficie è di circa 83 Kmq e la sua altezza massima è rappresentata dagli 836 m. della Montagna Grande. Essa costituisce la parte emersa di un edificio vulcanico che si eleva di circa 2000 mt. tipo oceanico.

L'isola è costituita esclusivamente da rocce vulcaniche che possono essere divise in due gruppi. Si possono infatti distinguere vulcaniti acide ( ricche in silice) e vulcaniti basiche (povere in silice). Si tratta di lave molto fluide e dall'aspetto scuro.In tutto sul territorio dell'isola sono stati individuali 30-40 centri eruttivi.

Il Parco Naturale della Montagna Grande è il cuore verde dell'isola, qui sono presenti quasi 600 entità botaniche delle quali alcune endemiche come il Limonium Cosyrese , l' Helichrysum Errerae e la Mattiola Incana. Inoltre questo parco naturale è l'unico in Europa dove nidificano due graziosi e coloratissimi uccelli: la Cinciarella Algerina e il Beccamoschino. Notevole il panorama sul Canale di Sicilia e al tramonto spettacolare la vista della costa africana.

Gli antichi Sentieri che come una ragnatela, attraversano letteralmente tutta l'isola per decine di chilometri, e grazie al progetto che nasce dalla volontà dell'Azienda Foreste Demaniali della Regione Sicilia, si è potuto ridare vita a questi sentieri, che oggi coprono una distanza di circa 150 Km percorribili, dando vita a dei sentieri da trekking e mountain-bike immergendosi in una natura ancora incontaminata, incontrando specie endemiche di flora e fauna, restando affascinati dai forti contrasti di colori e profumi tra il paesaggio vulcanico ricoperto dalla macchia mediterranea, la dolcezza dei terrazzamenti coltivati ed il blu del mare. Sono 38 i km che si prestano anche per percorsi in mount-bike, atti a coloro che hanno una media preparazione.

Le Contrade Contadine: agglomerati di dammusi con annesso giardino d'agrumi protetto da particolari costruzioni circolari in pietra chiamati Jardini, le undici contrade disseminate su tutto il territorio, conservano ancora il nome originale arabo come Khamma, Rekhale, Gadir, Bukkuram, Bugeber.

Il Lago Specchio di Venere: bacino di origine vulcanica dai colori incredibili ed alimentato in parte da sorgenti termali che sgorgano dalle rive sabbiose, possibilità d' effettuare attività sportive, in primavera e in autunno il lago diventa osservatorio naturale della passa di numerose varietà d'uccelli.

La Macchia Mediterranea del Khagiar: un antica colata lavica lunga 3 km, ricoperta da una rigogliosa vegetazione di mirto, corbezzolo, lentisco ed erica, che cresce fitta e bassa, forgiata dal vento; sono presenti numerose colonie di conigli selvatici e diversi esemplari della rara tartaruga greca. Dietro l'Isola: nella parte sud dell' isola una pineta (pini d'Aleppo, pini marittimi e querce) che sfida la roccia a strapiombo fino al mare; un esplosione di profumi aromatici. E' la continuazione del bosco della Montagna Grande. Il Salto della Vecchia: un panorama indimenticabile. Uno strapiombo alto 300mt.sulla cui parete nidificano numerose varietà d'uccelli marini. La Piana di Ghirlanda: considerata il giardino dell'isola, è una pianura fertilissima riparata dai venti e circondata da vulcani, in un boschetto di lecci una necropoli bizantina scavata nella roccia. L'architettura rurale dei muretti a secco che disegnano, a gradoni, i declivi dei vulcani.

Le cantine dove si producono il Passito e il Moscato, vini tipici dell'isola. Il Capperificio dove si confezionano i saporitissimi capperi.Le soste balneari lungo la costa: Karuscia, Campobello, Kattibuali, la riparata cala Cinque Denti, il Laghetto delle Ondine,le sorgenti termali della Cala Gadir e poi, cala Tramontana, il Faraglione e cala Levante. Un cenno a parte per l'incredibile Arco dell' Elefante, che è il monumento naturale dell'isola. Si continua con cala Rotonda, la Balata dei Turchi, dove è ubicata l'antichissima cava di ossidiana, Nicà, dove le sorgenti termali arrivano quasi a 100 gradi e ancora, Scauri, l'antico approdo romano e la grotta termale di Sateria. Suvaki, Punta Fram, dove le colate laviche hanno plasmato fantastiche sculture naturali, Mursia e cala del Bue Marino. Da non perdere assolutamente il giro dell'isola in barca con visita alle numerose grotte marine, qualche volta maestose come cattedrali, dove all'interno l'acqua riflette colori che vanno dal blu intenso al verde smeraldo.

HANNO DETTO DI PANTELLERIA:

Massimo Troisi: Abbiamo scelto Pantelleria per girare il Postino perchè l'isola si presta alla ricostruzione di un paesaggio incontaminato, tipo anni '50... Pantelleria mi piace. E' un'isola particolare, con le case fatte in un certo modo, un'architettura originale che la disgiunge dagli altri posti del Mediterraneo, con le discese a strapiombo sul mare, le ombre, i colori...

Gabriel García Marquez:...Non credo che esista al mondo un luogo più adatto per pensare alla Luna. Ma Pantelleria è più bella. Le pianure interminabili di roccia vulcanica, il mare immobile, la casa dipinta di calce fino agli scalini dalle cui finestre si vedono nelle notti senza vento i fasci luminosi dei fari africani...Fondali addormentati...Un anfora con ghirlande pietrificate e i resti di un vino corroso dagli anni...il bagno in una conca fumante dalle acque così dense che è quasi possibile camminarvi sopra...

Sting:... A Pantelleria le parole erano nel vento, io ho dovuto solo allungare una mano e raccoglierle...

Truman Capote:...Una bellezza agghiacciante...

Alphonse de Lamartine:...l'île de Pantelleria, ancienne île de Calypso, délicieuse encore par sa végétation africaine et la fraicheur de ses vallées et de ses eaux...

Henry Cartier-Bresson:...La foto più bella le fa torto...

Giuseppe Bertolucci:...Questa è la prima isola al mondo che non mi provoca ansia e desiderio di fuga, ma solo calma e voluttà...

Prenota ora al miglior prezzo!